14
Lug 
15

Dalle scuole dell’infanzia comunali 300 volumi per liberunlibro

_8

Consegnati alla Pediatria di Comunità i libri donati dalle Scuole dell’infanzia comunali che hanno aderito all’iniziativa dell’Ausl “Liberaunlibro”.

Nuovo impulso per “Liberaunlibro”, l’iniziativa promossa dalla Pediatria di Comunità di Cesena per raccogliere libri nuovi o usati da destinare alla pediatria e alle sale d’attesa degli ambulatori pediatrici. Anche le scuole dell’infanzia comunali di Cesena hanno deciso di aderire a questo circuito virtuoso, donando ben 300 preziosi volumi che andranno ad arricchire gli angoli lettura delle aree pediatriche. Si tratta delle Scuole dell’infanzia Oltresavio, Case Finali, Fiorita, Macerone, Ippodromo, San Mauro  e dei Nidi Ida Sangiorgi e Vigne Parco.

“Liberaunlibro si inserisce all’interno del più ampio progetto “Nati per leggere”, per incentivare l’abitudine alla lettura ai bambini in famiglia, con particolare attenzione alla lettura ad alta voce.

Recenti ricerche scientifiche – spiega la dott.ssa Anna Faetani, pediatra di Comunità di Cesena e responsabile del progetto –   dimostrano che leggere ad alta voce, con una certa continuità, ai bambini in età prescolare ha un’influenza positiva dal punto di vista cognitivo, relazionale, della comprensione del linguaggio e della capacità di apprendimento. Questa piacevole esperienza vissuta dal bambino con i genitori o con persone per lui care e significative come le maestre,  – conclude la dott.ssa Faetani – stimola nel bambino la curiosità e la voglia di continuare a leggere, creando le basi per una buona pratica che si protrarrà anche nelle età successive”.

_5

“L’iniziativa Liberaunlibro – commentano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Scuola Simona Benedetti – mette insieme due aspetti che reputiamo di grande importanza. Da un lato, infatti, aumenta per i più piccoli le occasioni di sfogliare un libro e di leggerlo, abituandoli a un’esperienza che rappresenta un’opportunità di crescita e arricchimento non solo per loro, ma anche per le loro famiglie. Il fatto, poi, che questi libri siano stati donati non solo dalle biblioteche scolastiche, ma anche dagli allievi e dalle loro famiglie è il segno di un senso di comunità e di bene comune che è fortemente radicato nella nostra città”.

L’Azienda USL ringrazia pubblicamente tutti gli alunni, i genitori e i docenti per la generosa donazione.

Tag:

Condividi questo articolo:
Facebook Twitter Digg Myspace Msn
  • Articoli recenti

  • Archivi